Tartufo Bianchetto o Marzuolo: scopriamolo insieme


Ci siamo, la stagione di raccolta del Tartufo Bianchetto conosciuto anche come Marzuolo (Tuber Borchii Vitt.) è cominciata! Scopriamo insieme le sue caratteristiche e le principali con il Tartufo Bianco.

Caratteristiche del Tartufo Bianchetto

Il Tartufo Bianchetto è tra le specie di Tartufo più apprezzate e conosciute, a primo impatto, agli occhi di un neofita può assomigliare al più famoso Tuber Magnatum, ma presenta delle sostanziali differenze.

  • La sua pezzatura è medio/piccola e salvo rari casi supera i 9 centimetri di diametro;
  • Il peridio (scorza esterna) ha un colore tendente dall’arancio scuro al giallo ocra;
  • La gleba (parte interna/polpa) è di colore va dal rossastro al bruno con poche venature larghe e di colore bianco/giallo ocra
  • Il profumo è penetrante ed agliaceo ed il sapore molto forte.

 

Differenze tra Tartufo Bianco e Bianchetto

Oltre alle su citate differenze, il tartufo Bianchetto si differenzia dal tartufo Bianco dal periodo di raccolta e maturazione: mentre il tartufo bianco matura da Ottobre a Dicembre il tartufo Bianchetto cresce ed è possibile raccoglierlo dalla seconda settimana di Gennaio fino a fine Aprile ed è presente su tutto il territorio Italiano.

  • Il tartufo Bianchetto ha un profumo più forte ed intenso
  • Il periodo di raccolta è diverso e successivo (Gennaio/Aprile)
  • Le dimensioni del Marzuolo sono più piccole e regolari

Scopri QUI tutte le stagionalità del tartufo

Condividi sui tuoi social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *